Sito in costruzione. I contenuti sono in fase di aggiornamento.

Punto Zero, ecco come funziona: vengono fatti dei prelievi ambientali che forniscono dei parametri specifici di un territorio.

Questi dati scientifici rappresentano il “Punto Zero” e sono il punto di riferimento per capire, monitorandoli nel tempo, se c’è un deterioramento della qualità ambientale.

Le tipologie di indagine sono quattro: inquinamento dell’Acqua, inquinamento del Suolo, inquinamento dell’Aria, altro tipo di inquinamento (ad esempio l’inquinamento da diossina con l’analisi del latte materno delle mamme che vivono nelle vicinanze degli inceneritori, oppure valutazioni del contenuto di radioattività di alcuni rifiuti smaltiti illegalmente).

Verifica sulla mappa qui sotto le analisi già effettuate in Italia Meridionale.

Filtra per

L’Italia Meridionale è oggetto da diversi anni di azioni politiche, da parte del Governo centrale e delle Regioni, mirate allo sfruttamento del territorio, in spregio delle tematiche ambientali.

Esempi sono la modifica del Titolo V della Costituzione (con l’accentramento da parte dello Stato dei poteri decisionali nel settore energetico), la trasformazione dei cementifici in inceneritori, la possibilità di bruciare rifiuti da fuori regione, la facilitazione dei permessi per l’apertura di discariche, depositi di scorie nucleari, e opifici per il trattamento dei rifiuti, l’accelerazione forzata delle Valutazioni di Impatto Ambientale per le istanze di ricerca degli idrocarburi, richieste addirittura in zone su cui insistono falde acquifere, produzioni agricole e agglomerati urbani.

Una delle 5 stelle del Movimento è quella dell’AMBIENTE, la sua tutela e il suo miglioramento. Ecco perché il Movimento 5 Stelle Europa sta trasformando l’idea di alcuni cittadini in un progetto CONCRETO per il controllo e il monitoraggio ambientale sul territorio italiano. Si chiama “Punto Zero” e ve lo presenta il nostro Portavoce Piernicola Pedicini.

 

Il presente progetto intende portare avanti una serie di azioni volte alla misurazione e monitoraggio dei parametri ambientali sul territorio dell’Italia Meridionale interessato da impianti critici per la sostenibilità ambientale. Effettuare la misurazione dei “Punti Zero” significa acquisire, ad una determinata data, i livelli di inquinamento di specifiche zone del territorio ove sorgono o sorgeranno a breve impianti critici per la sostenibilità ambientale, affinché, a partire da questi dati di riferimento e durante il ciclo di vita di tali impianti, sia possibile monitorare l’eventuale deterioramento della qualità degli elementi vitali dell’ambiente circostante (acqua, aria, terreno, fanghi, flora, fauna, etc.).